Comune di Sassetta (LI)

Portale Istituzionale del Comune di Sassetta (LI)

Media bordo
Scorcio di Sassetta
Logo Comune di Sassetta
Scrivi al comune
- Inizio della pagina -
Archivio immagini
- Inizio della pagina -
Il Carbonaio
media_bianco 4x4
LA VITA DEI VECCHI CARBONAI

I vecchi carbonai, quando mettevano a fuoco le carbonaie, vivevano nella macchia insieme a tutta la famiglia, dentro capanne costruite con scheletri di legno prelevato sul posto, e coperte di zolle di terra chiamate iove o ghiove o pellicce. 

Il motivo per cui i carbonai vivevano nel bosco è da ricercarsi nel fatto che le carbonaie hanno bisogno di continua assistenza, quando sono a fuoco, e devono essere ispezionate continuamente, giorno e notte, altrimenti possono bruciare male e incenerire tutta la legna o produrre carbone poco buono perché cotto male.

Il carbone venuto male è indicato dai carbonai con un termine che vuol essere dispregiativo: patassa.

Dire a un carbonaio che ha fatto della patassa equivale a dirgli che non è un buon mestierante. Infatti il mestiere del carbonaio richeide moltissino impegno, grande specializzazione e molta intelligenza. 

Dentro le capanne i carbonai costruivano, sempre servendosi del legname del bosco, dei poveri giacigli. Al posto delle nostre morbide reti e materassi mettevano dei duri legni chiamati bacchi e i letti così rozzamente costruiti venivano chiamati rapazzòle sulle quali riposavano le loro stanche membra i carbonai e tutti gli altri membri della famiglia, compresi i bambini. 

Il carbonaio dormiva poco, dovendo vigilare anche la notte sulle carbonaie, sfidando il freddo, il vento, la pioggia ed esponendosi così al rischio di malattie come la polmonite e la bronchite molto frequenti nei carbonai e molto pericolose prima che fossero inventati gli antibiotici. Spesso vicino alla capanna veniva costruito anche un pollaio di sassi e zolle e il forno per il pane. 

La capanna, quando era possibile, veniva costruita vicino a una polla d’acqua, in modo da alleviare la fatica delle donne che dovevano provvedere continuamente ad attingere l’acqua necessaria per preparare i pasti e per mantenere un minimo di pulizia.

I bambini frequentavano, se c’era, la scuola più vicina, ma spesso erano costretti a percorrere a piedi molti chilometri in mezzo alla macchia e su strade accidentate. Per i maestri dell’epoca costituiva grande motivo di soddisfazione constatare come i bambini, durante i loro lunghi quotidianI viaggi, diventassero attenti osservatori della
splendida natura che li circondava e ne traessero vantaggio per la loro crescita culturale.

Sarebbe interessante leggere anche oggi i temi di quei ragazzi che, spesso, erano dei piccoli capolavori. 

 

Per saperne di più sul mestiere del CARBONAIO:
Carbone e Carbonaie, di Celestino Giorgerini, ed. I Quaderni del Circolo
- Inizio della pagina -
- Inizio della pagina -
Comune di Sassetta
(Provincia di Livorno)
Via Roma N 15 - 57020 Sassetta (LI)
Centralino (n. 2 linee urbane) tel. 0565.794223 - Fax 0565.794203 P.IVA 00683460497
Il portale del Comune di Sassetta (LI) un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE
Il progetto Comune di Sassetta (LI) sviluppato con il CMS ISWEB di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it